La vita e’ un’esperienza straordinaria

Mancanza di felicità, convinzioni assurde, migliaia di distrazioni: questi sono i motivi che ci fanno perdere di vista Chi siamo veramente.

I nostri pensieri sono come grandi buchi neri; nessuno può leggerli e noi continuiamo a nascondere dietro la nostra sofferenza le nostre cicatrici mentre viviamo la nostra vita, fingendo, come bravi attori, che tutto vada bene, che non sia successo nulla, mentre invece dentro abbiamo l’inferno. 

Ci ripetiamo ogni giorno che domani sarà un giorno migliore, ma intanto andiamo avanti a tutti i costi, replicando come automi gesti e azioni di routine, non dimenticandoci mai che dobbiamo soprattutto sorridere!

Dobbiamo sorridere in modo che nessuno possa vedere la nostra sofferenza, il nostro vero stare

Lo sapete che alcuni di questi atteggiamenti non sono vostri? Lo sapete che molte delle cose che fate e di cui parlate ogni giorno provengono da insegnamenti dei vostri genitori? 

Dal momento della nascita e fino ai 6-7 anni, i bambini imparano a vivere osservando i loro genitori. Li guardano e credono a tutto cio’ che viene loro trasmesso: cosa dire, cosa fare. Credendo anche a quei commenti che spesso li deprivano della loro autostima …

Ma loro, i bambini, non mettono MAI in discussione nulla perche’ durante i primi anni di vita non hanno una mente analitica.
I bambini guardano, osservano da lontano silenziosamente e imitano, imparando ogni mossa che vedono e ogni parola che sentono. I genitori diventano un modello da imitare e man mano che si cresce divengono realta’ e futuro.

Tutti noi da bambini ci fidavamo completamente di loro: e come non farlo? Dopotutto, essi sono i nostri genitori!

Nella mente di un bimbo un genitore non può mentire, non può ferire. Nella mente di un figlio, nel suo mondo ancora infantile e pulito, loro, i genitori, sono perfetti.
Ma nessun genitore è perfetto come nessun essere umano è perfetto e in questo non vi e’ nulla di male. 

C’e’ sempre spazio per crescere, anche da “grandi”. 

Come esseri umani, abbiamo tutti commesso degli errori e da questi – si spera – abbiamo imparato qualcosa. A nostra volta, una volta adulti, abbiamo fatto tutti del nostro meglio per diventare responsabili e maturi, e per crescere un giorno i nostri figli al meglio delle nostre possibilita’.

E poi un giorno quei figli sono cresciuti, sono diventati adulti a loro volta. Purtroppo, però, capita di accorgerci che alcune delle cose che inconsciamente abbiamo trasmesso sono inopportune, sbagliate, incoerenti. 

Che fare dunque?
Abbiamo ancora l’opportunità di aiutarli? Sì. Assolutamente si’!

Ora che ti vedi riflesso nelle loro parole e nei loro gesti, ora che anche tu sei più saggio e più consapevole, impegnati e aiuta i tuoi figli – oggi adulti – a cambiare quegli aspetti della loro personalita’ che stanno creando problemi.

Senza imposizioni ma con la tua sola presenza e qualche consiglio amorevole.

Non c’e’ eta’ per crescere e aiutare un figlio. Proviamo a lasciare che i nostri figli gestiscano la loro vita ma non con programmi vecchi e sbagliati.

Tu porteresti un computer obsoleto con te al lavoro sapendo che non ti aiuterà a svolgere il tuo compito correttamente? Arriva un momento in cui è necessario apportare delle modifiche. Questo momento è oggi. Questo momento è adesso.

Ognuno ha il suo ruolo da interpretare in questa grande scena che chiamiamo Società; ognuno ha i propri diritti e ognuno ha le proprie spalle per sopportare il peso delle proprie scelte.

“Quello che manca spesso è il coraggio di essere se stessi”

quantictouch

La mia Vita è stata ed è ancora un’esperienza straordinaria.

Ho capito che il tempo guarisce le ferite ma che non tutti vogliono guarire dal loro dolore. 

Ho imparato che posso incontrare molte persone ma che non tutti sono veri amici.

Scelgo consapevolmente di fare del mio meglio ogni giorno, ma non tutti i giorni si rivelano come “un grande giorno” e per me va bene cosi: domani andra’ meglio.

Ho capito che ho fatto la mia parte di errori, come li abbiamo fatti tutti noi, ma oggi non li chiamo più errori: preferisco il termine esperienze.

Ciò che è importante, è capire la grande lezione insita in quell’esperienza e in quel dolore perché questa è la funzione del dolore: avvisarci che siamo nel posto sbagliato e che dobbiamo operare un cambiamento. 

Ho imparato ad accettare che nell’amore possiamo tradire o essere traditi; che l’amore che tutti noi sogniamo potrebbe non essere “l’amore per sempre” ma quando c’e’ stato, è stato vero. Quell’ amore rimarrà dentro di noi per sempre. Qualunque cosa accada non potra’ mai essere cancellato.

L’Amore è come una bottiglia di latte: a volte lo dimentichiamo in frigorifero e quando lo beviamo dopo qualche giorno scopriamo che è scaduto; ma il latte che abbiamo bevuto qualche giorno prima era delizioso o no??

Ho imparato anche a scusarmi per un errore fatto: chiedere SCUSA è un atto che richiede molto coraggio, ci si mette a nudo di fronte all’altro. 

Chiedo scusa per me stessa, perché farlo mi rimette in pace e in equilibrio con il mio IO. 

Se poi le scuse siano accettate o meno dall’altro non mi interessa più.

Io ho fatto il mio dovere verso me stessa e questo mi aiuta a guarire il mio dolore. 

Mi sono resa conto che non c’è nulla di cui vergognarsi nel perdonare qualcuno che ci ha fatto del male. La nostra Anima aveva bisogno di quell’esperienza, ecco perché l’abbiamo fatta, e nel bene o nel male abbiamo imparato qualcosa che – possibilmente – cercheremo di non ripetere piu’.

La vita è un’esperienza straordinaria

Là fuori ci sono persone che credono di essere migliori, più intelligenti o addirittura superiori ad altri perche’ hanno di piu’; credono di poter governare il mondo in base alle proprie convinzioni, ma il mondo non e’ loro. Il mondo appartiene a tutti noi e il potere di farne un posto migliore è sito in ciascuno di noi. Io e te siamo quel “noi”, quel “loro”…. e tutti noi facciamo parte di questa società.

Siamo come le note di una sinfonia e dobbiamo imparare a suonare insieme se vogliamo che la musica sia celestiale.

Non abbiamo bisogno di guerre interne, non abbiamo bisogno di combattere qualcuno per il colore della pelle o per le sue convinzioni religiose o per le sue scelte sessuali. 
Alla fine, siamo tutti uguali: siamo Esseri Umani. Se ci tagliamo, sanguiniamo allo stesso modo.

Comprendere che vita è il dono più prezioso che abbiamo e’ importante, e dobbiamo consapevolmente fare la scelta di unirci per costruire un mondo migliore per il nostro futuro e quello dei nostri figli e nipoti.
Da sempre ci sono state persone che hanno voluto tenerne altre in silenzio e soggiogate. Ma ora non possono piu’ farlo.

Se ci uniamo nell’Amore e nella Pace possiamo cambiare il Mondo e farne un posto migliore dove vivere insieme nell’accettazione delle diversita’.

E,  se ognuno di noi fa del proprio meglio ogni giorno, i cambiamenti avverranno molto, molto rapidamente.

E ricordiamo sempre: ognuno di noi ha il diritto di commettere errori, di rialzarsi e di ricominciare senza vergognarsi o sentirsi sbagliato.

Io in questa vita faccio la mia parte e spero che tu stia facendo la tua, con Amore e nella Luce.

Elisabetta Crivellaro

Fondatore di QUANTIC Touch Institute, LLC

quantictouch.com

<<

“Dove andare per incontrarti”. 

“Noi siamo il silenzio che rimane dopo le parole.

Noi siamo il confine che limita la nostra libertà.

Noi siamo l’umanità.”

(da: F. Mannoia: Il Potere del Coraggio”)

>>

Condividi l’articolo

se ti e’ piaciuto.

Ne sarei felice!